Provincia di Bergamo: sono state assegnate le 136 posizioni utili oggetto di riordino della cartellonistica pubblicitaria sulle strade ex statali 42, 342 e 472.

di Redazione AIFIL[IN]FORMA - 20 gennaio 2011
Classificato in: CID, Legislazione, Tavoli di lavoro | Tag: , ,

In data 13.12.2010, con la conclusione definitiva del “Tavolo di lavoro” tra il Settore Viabilità e Trasporti della Provincia di Bergamo, le associazioni AICAP, ANACS e AIFIL (rappresentata dallo Studio Laruffa & Associati) e le aziende, AVIP SPA, IPAS, Carminati Allestimenti e Italspazi, si è statuito che entro il 31.01.11 le aziende pubblicitarie coinvolte dovranno rimuovere tutti gli impianti difformi al Codice della Strada, pena sanzione e rimozione d’ufficio degli impianti stessi.

Oltre a quanto predetto è stato, inoltre, concordato che:

  • a datare dall’01.03.11, ad opera delle Società pubblicitarie coinvolte, potranno nuovamente essere accettate le istanze per l’assegnazione delle posizioni individuate sulle “nuove” strade provinciali;
  • sarà attivato contestualmente il controllo della reale non utilizzazione di tutte le 262 posizioni dichiarate “perse” dalle società pubblicitarie;
  • con riferimento alle posizioni “assegnate d’ufficio”, le Società pubblicitarie sono invitate a fornire nel più breve tempo possibile la documentazione fotografica e la relativa planimetria in triplice copia.
  • rimangono sospese le ricollocazioni su tutta la SP. Ex SS. 470 della valle Brembana e SP. Ex SS. 591 nel centro abitato di Urgnano, mentre sul restante territorio comunale si eseguirà un ulteriore sopralluogo al fine di individuare nuove posizioni da assegnare.

Il prossimo appuntamento sarà fissato nel mese di Gennaio 2011 con lo scopo di verificare la situazione delle rimozioni e per definire le linee guida dell’eventuale modifica del Regolamento Provinciale in materia di pubblicità.

Per la lettura completa del Verbale e per l’approfondimento dei dettagli concernenti l’assegnazione si vedano i rispetti allegati.

Allegati

Le ragioni del Riordino

Il riordino era stato disposto a seguito di nota della provincia di Bergamo risalente all’08.02.2010, con cui la stessa Amministrazione qualificava come illegittime, ai sensi dell’art. 23 comma 4 del Codice della Strada, le numerose autorizzazioni rilasciate direttamente dagli Uffici Tecnici comunali per l’installazione di impianti pubblicitari lungo le SP, free run 6 femmes assumendo la mancata previa acquisizione del nulla osta di competenza della Provincia stessa, in qualità di ente proprietario della strada. Sulla base della disposizione normativa richiamata, difatti, l’Amministrazione affermava che “la collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse è assoggettata in ogni caso ad autorizzazione da parte dell’ente proprietario della strada […] Nell’interno dei centri abitati la competenza è dei Comuni, salvo preventivo nulla osta dell’ente proprietario se la strada è […] provinciale”.

Con la nota in oggetto, la Provincia invitava, pertanto, le Società pubblicitarie coinvolte a valutare la conformità delle istanze di installazione di impianti pubblicitari al fine di evitare possibili contenziosi.

Fotografia: Luca Giarelli