Assemblea Nazionale AIFIL – Livorno 8-9 giugno 2012 – convivialità e turismo

di Michelle Benigni - 03 maggio 2012
Classificato in: Assemblea Nazionale, Mondo AIFIL, Vita AIFIL | Tag:

L’Assemblea Nazionale AIFIL 2012 di Livorno prende forma. Oltre alle attività associative di venerdì e sabato, sono state organizzate molte occasioni di convivialità, di relax e di turismo, sia per i Soci sia per coloro che li accompagneranno. Le prenotazioni devono essere inoltrate via fax alla Segreteria Nazionale entro e non oltre il 25 maggio.

Venerdì 8 giugno 19:30

Cena tipica presso “La Bodeguita” con concerto dei Licantropi

Locale tipico di Livorno situato nel cuore del quartiere “La Venezia” dove il gruppo livornese “I Licantropi” farà un concerto per i Soci AIFIL.

http://www.ilicantropi.it/biografia.php

Sabato 9 giugno 19:30

Cena di gala presso il ristorante “Le Volte” con accompagnamento musicale

In un caldo ambiente prettamente mediceo, a lume di candela, la ricca e raffinata cucina de’ Le Volte, accompagnata dal giusto vino, è pronta ad accogliervi per ogni evento ed occasione, marcando momenti di sicura memoria. Grazie alla stupenda vista mare e agli interni eleganti, il Ristorante Le Volte è il luogo ideale per rendere indimenticabile la serata.

Sabato 9 giugno tutta la giornata (per chi non partecipa ai lavori)

Tour di Livorno in battello e bus

Il tour in battello inizia generalmente dal molo mediceo ovvero dalla parte più antica del porto, costeggia la Fortezza Vecchia (Antonio da Sangallo, 1519 -1534), entra nel quartiere della Venezia (costruito sull’acqua da G. B. Santi a partire dal 1621), percorre i fossi medicei fino alla chiesa domenicana di Santa Caterina, il cui convento divenne prigione su ordine di Napoleone.
Al suo interno fu prigioniero il Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Da lì si passa dalla zona in cui sorgeva il Teatro San Marco, nel quale nel 1921 fu fondato il partito comunista italiano.
Il tour prosegue costeggiando la Fortezza Nuova (opera del Buontalenti, risalente alla fine del 1500) e transita sotto Piazza della Repubblica (piazza-ponte ottocentesca: è uno dei ponti più larghi d’Europa). Prosegue nella zona ottocentesca, passando sotto il ponte detto di Modigliani (lì il pittore aveva il suo studio).
Si costeggia poi la chiesa degli olandesi (testimonianza dell’esistenza di una delle molte comunità straniere che hanno reso multi culturale il passato della città, grazie alla sua caratteristica di porto franco e prima ancora grazie alla promulgazione delle leggi livornine); si continua la visita della zona ottocentesca con i suoi palazzi e si entra infine nella darsena nuova (costruita nel 1591 per volere di Ferdinando I de’ Medici) e si termina nella darsena vecchia con la Statua dei 4 Mori, opera di Pietro Tacca e simbolo della città.
Al termine del tour in battello si visiteranno l’interno della Fortezza Vecchia e i suoi sotterranei.
La visita di Livorno prosegue in bus verso il lungomare, immortalato da Giovanni Fattori e dagli altri Macchiaioli nei loro dipinti, molti dei quali sono custoditi nella Galleria di Arte Moderna di Palazzo Pitti a Firenze e nel Museo di Villa Mimbelli a Livorno.
Si vedranno i Casini di Ardenza (costruzione alla quale l’architetto Inigo Jones si ispirò per la progettazione del Royal Crescent di Bath).
Si percorre il Viale Italia che con i suoi caffè e antichi stabilimenti balneari dei primi del ‘900 valsero alla città il soprannome di Montecatini al mare (G. Carducci); si costeggiano inoltre le villette in stile liberty e l’Accademia Navale, la Terrazza Mascagni (dedicata ad uno dei più illustri cittadini di Livorno, compositore della Cavalleria Rusticana) e, volendo, qui si può scendere per un caffè o per fare delle foto oppure per una passeggiata con vista sul mare proprio di fronte all’ imponente Hotel Palazzo che ospitò fino al secolo scorso le teste coronate di tutta Europa durante il loro soggiorno estivo a Livorno.
Il tour prevede quindi la visita del Santuario di Montenero, chiesa mariana più importante della Toscana, in stile barocco, con la sua celebre galleria di ex voto.
La Madonna di Montenero è Patrona della Toscana e del Mar Tirreno.
Davanti al Santuario sorge il Famedio dove sono sepolti livornesi illustri, tra cui Francesco Domenico Guerrazzi e Giovanni Fattori.
Da Montenero di gode un eccezionale panorama sulla città e sul mare e nelle giornate più belle si possono ammirare in lontananza alcune delle isole dell’arcipelago toscano e la Corsica.
Al Santuario della Madonna di Montenero, situato su una collina, si può arrivare in bus, percorrendo una strada panoramica, oppure con la caratteristica funicolare.

ATTENZIONE: Il prezzo della gita è determinato in funzione al numero dei partecipanti, preghiamo pertanto chi interessato di inviare la pre-adesione.}

Condividi questa pagina
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • PDF
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Add to favorites
  • FriendFeed