Impossibile smaltire i rifiuti speciali in Sicilia. I Soci AIFIL vogliono portare la protesta nella commissione ambiente. L’appoggio dell’onorevole Concetta Raia.

di Sergio Arioli - 14 marzo 2011
Classificato in: Convegni, Dibattiti, Eventi, Mondo Insegne | Tag: ,

Sabato 5 marzo 2011 presso il Centro Fieristico Le Ciminiere di Catania, nel contesto della fiera Expo della Pubblicità, si è svolto il convegno-dibattito “Sicilia: l’isola dei rifiuti sospesi”, organizzato da AIFIL con la collaborazione della Camera di commercio di Catania. L’onorevole Concetta Raia è disponibile a sostenere la protesta in commissione ambiente regionale.

L’onorevole Concetta Raia è disponibile a sostenere la protesta in commissione ambiente regionale.

Al tavolo dei relatori si sono alternati Alfio Bonaventura (segretario territoriale AIFIL), Sergio Arioli (presidente AIFIL), Vittorio Di Geronimo (presidente Kalat Ambiente) e l’onorevole Concetta Raia (deputata del PD al parlamento italiano e Membro della commissione ambiente regione Sicilia).

Bonaventura ha aperto il confronto denunciando l’impossibilità da parte degli operatori del settore insegne di consegnare alle aziende e ai consorzi preposti alla raccolta i rifiuti speciali derivanti dall’attività. Ciò comporta, da una parte l’accumularsi di masse di rifiuti presso i laboratori di produzione di insegne, dall’altra l’impossibilità materiale di ottemperare agli obblighi previsti dal quadro legislativo e normativo. Tale situazione è stata confermata da Giovanni di Francesco (referente territoriale del CID, il Comitato Insegne e Diritto di AIFIL) e dai molti rappresentanti provinciali AIFIL presenti che hanno esposto vari casi concreti.

Per esempio è di fatto impossibile trovare qualcuno disponibile a ritirare gli scarti di materie plastiche (PMMA, PVC, ABS, ecc.) derivanti dalla lavorazione o dalla rimozione di insegne. Altrettanto avviene per le lampade al neon, le fluorescenti o simili, ma in questo caso la vicenda si fa più grave perché le lampade rientrano nell’elenco dei rifiuti speciali pericolosi.

Purtroppo il problema non riguarda solo l’inefficienza e la scarsa professionalità dei consorzi o delle aziende autorizzate al ritiro dei rifiuti: la relazione dell’onorevole Concetta Raia ha messo in luce quanto l’intero sistema regionale sia incapace di far fronte alle esigenze di raccolta e smaltimento dei rifiuti, sia urbani (domestici) sia speciali. Non si ritirano i rifiuti perché mancano i centri di raccolta e, peggio, manca la possibilità di smaltirli e/o riciclarli. Un disservizio che grava su tutte le imprese dell’isola, siano esse artigiane, industriali o commerciali.

La conseguenza grave di questa situazione è che, poi, di fatto, i rifiuti speciali finiscono nei cassoni di quelli domestici oppure abbandonati ai bordi delle strade o dispersi nell’ambiente.

Le prospettive di una rapida ed efficace air jordan 5 femmes soluzione del problema si allontanano quando si pensa che il piano di ciclo dei rifiuti per la Sicilia (questo il nome del progetto firmato dall’allora governatore e commissario all’emergenza per la spazzatura Salvatore Cuffaro) risale al 2002 e dopo nove anni non si intravede alcuna soluzione concreta. Le ripetute promesse e gli sforzi finiscono via via impantanati nel labirinto della politica ed è difficile pensare – nel generalizzato degrado e inquinamento della classe politica locale e nazionale – che la mafia sia estranea al gioco.

Tutto ciò non ha fatto venir meno la determinazione dei presenti che intendono portare la protesta all’interno della commissione ambiente regione Sicilia. L’onorevole Raia ha promesso il suo appoggio e ha dato disponibilità, insieme all’ing. Vittorio Di Geronimo, ad incontrare di nuovo AIFIL per analizzare a fondo il caso e individuare azioni concrete per ottenere l’attenzione della commissione ambiente e soluzioni reali da parte dell’amministrazione regionale; coinvolgendo e aggregando se possibile altre associazioni di produttori e commercianti. Alfio Bonaventura e Giovanni di Francesco saranno i promotori e coordinatori locali dell’iniziativa.

Un caldo ringraziamento va a Giuseppe Rapisarda Responsabile Expo per la disponibilità e la gentile collaborazione.

Per approfondire:

http://www.aifilinforma.it/mondo-insegne/eventi/aifil-area-7-impossibile-smaltire-i-rifiuti-da-insegne-in-sicilia-aifil-chiede-alle-autorita-politiche-un-intervento-immediato-e-risolutivo-il-5-marzo-un-convegno-a-catania/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/10/08/termovalorizzatori-in-sicilia-lultima-affare-di-cosa-nostra-una-torta-da-sei-miliardi-di-denaro-pubblico/70174/

http://www.concettaraia.com/?p=123

http://slc-cgil-catania.blogspot.com/p/speciale-concetta-raia.html

Condividi questa pagina
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • PDF
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Add to favorites
  • FriendFeed