Percorsi per la conformità dell’azienda.

di Redazione AIFIL[IN]FORMA - 30 giugno 2010
Classificato in: Legislazione, Manuali, Mondo Insegne, Pubblicati da AIFIL, Pubblicazioni | Tag:

Adempimenti obbligatori per le aziende che replica watches commerciano, producono e installano insegne.

Questo libro vuole essere una prima guida, di livello base, per chiunque voglia approcciare il problema della qualità aziendale nei confronti degli adempimenti richiesti dalle norme vigenti a chi produce insegne luminose.


Uno strumento prezioso che non deve quindi mancare sugli scaffali di ogni produttore di insegne.

Non una guida alla produzione [a norma] di insegne luminose, bensì una panoramica sugli adempimenti necessari alla loro produzione.

L’aggiornamento e l’adeguamento costante all’evoluzione legislativa costituiscono senza dubbio un obbligo ed un impegno gravoso, ma con il tempo costruiscono e consolidano un know-how distintivo, valorizzando i prodotti ed i servizi offerti ai clienti e migliorando la gestione del rapporto commerciale, anche sotto il profilo del profitto.

AIFIL, pur dedicando ancora molte risorse a contrastare presso le istituzioni il proliferare di lacci e lacciuoli a volte totalmente inutili e vincolanti per l’attività delle aziende, air jordan 13 femmes promuove in prima linea la formazione quale strumento essenziale della crescita imprenditoriale.

Questo libro intende porsi soprattutto come un manuale pratico per verificare la conformità dell’azienda che vuole iniziare o continuare la propria attività produttiva e focalizzare gli obblighi inerenti la documentazione che deve accompagnare il prodotto.

LE SCHEDE PER VERIFICARE LA CONFORMITÀ DELLA PROPRIA AZIENDA

Il libro è corredato di 12 schede che consentono all’azienda di verificare autonomamente il proprio grado di conformità legislativa e individuare, se necessario, quali provvedimenti adottare per risolvere il problema.

  1. Caratteristiche dell’Azienda
  2. Nomina Aziendale del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (R.S.P.P.) e formazione
  3. Sorveglianza sanitaria
  4. R.L.S. (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza), nomina, formazione
  5. Rischi della mansione dei lavoratori, corsi di formazione e informazione
  6. Pronto Soccorso: classificazione appartenenza gruppo azienda, formazione, presidi (D.M. 388/03)
  7. Sicurezza Antincendio, rischio aziendale, formazione, presidi (D.M.I. 10/03/98)
  8. Denunce, verifiche, dichiarazioni, certificazioni, apparecchi
  9. Documentazione varia e altre valutazioni dei rischi
  10. Sicurezza delle Macchine e delle attrezzature di lavoro
  11. Presidi di prevenzione incendio
  12. Avvertenze di sicurezza

COME È NATO IL PROGETTO?

Pensato da Sonia Stefanello, Presidente AIFIL dal 12 novembre 2005 al 30 maggio 2009, e dai corrispettivi Vicepresidenti Gianluca Biagini e Giorgio Ciresola, questo libro è il frutto di un lavoro di equipe, ossia di un gruppo di lavoro appositamente costituito in AIFIL per coadiuvare l’ing. Giorgio Baldo cui si deve la prima stesura in forma di schemi e schede.

Autore

l’ing. Giorgio Baldo è esperto nella valutazioni dei rischi nei luoghi di lavoro. Ha implementato i sistemi di qualità per varie aziende del settore insegne, occupandosi in particolare della sicurezza di macchine, impianti e cantieri. Collabora con la Segreteria Territoriale AIFIL dell’Area 2 (Triveneto) fornendo aggiornamenti tecnici e normativi.

Al completamento e revisione dell’opera hanno contribuito:

  • Massimo Peirone (Referente del Comitato Tecnico AIFIL): Integrazioni ed aggiornamenti in riferimento al D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106.
  • Sergio Arioli (Presidente Nazionale AIFIL dal 30 maggio 2009): Riformulazione in forma di testo.

I lavori sono iniziati nel marzo 2008 e sono terminati nel Settembre 2009.

COSA NE PENSANO

Di seguito le opinioni di:

  • Massimo Peirone (Referente del Comitato Tecnico di AIFIL),
  • Sergio Arioli (Presidente AIFIL),
  • Sonia Stefanello (Past President di AIFIL).

Massimo Peirone (Referente del Comitato Tecnico di AIFIL)

Elencare gli adempimenti obbligatori per legge e tracciare un percorso minimo per conformarsi è lo scopo di questo documento.

Parlare di conformità fa sorgere immediatamente una domanda: “conformità a che cosa?” la risposta “a tutto”, benché corretta non è certo chiarificatrice e pone nel lettore delle aspettative che non potranno essere corrisposte.

Il lettore attento aggiungerà anche “ma conformità di che cosa?” e la risposta a questa domanda potrebbe lasciare alcuni sconcertati, perché non si tratta di conformità del prodotto o dell’impianto di insegna luminosa, ma di conformità dell’azienda ad un modello ideale di struttura di produzione.

Questo libro vuole essere una prima guida, di livello base, per chi voglia approcciare il problema della qualità aziendale nei confronti degli adempimenti richiesti dalle norme vigenti a chi produce insegne luminose.

Non, quindi, una guida alla produzione di insegne luminose, nemmeno una guida alla produzione di insegne luminose “a norma”, bensì una panoramica sugli adempimenti preliminari e necessari alla produzione “a norma” delle insegne luminose.

In questo prezioso documento di AIFIL, sono state individuate e trattate tre tipologie di adempimenti:

  • Sicurezza e salute dei lavoratori negli ambienti di lavoro come richiesto dal D.Lgs. 81/08 (“Testo unico” in materia di sicurezza, in vigore dal 15/05/2008);
  • Sicurezza nel cantiere per le operazioni di installazione svolte fuori dalla sede aziendale come richiesto dal D.Lgs. 81/08, dal codice della strada e dalla legislazione pertinente;
  • Documentazione a corredo del prodotto installato (sia esso un impianto d’insegna, un apparecchio d’insegna CE o una fornitura di materiale).

L’intento è quello di seguire il lettore nel suo percorso di avvicinamento alla certificazione aziendale fino al raggiungimento dell’autonomia operativa.

Sergio Arioli (Presidente AIFIL)

Un’impresa artigiana con sei addetti, qual è oggi mediamente un’azienda del settore insegne in Italia, percepisce inevitabilmente una sproporzione fra la consistenza della propria attività e la quantità di adempimenti previsti dalle leggi e dalla normativa.

Ancora più sproporzionato appare il rapporto fra tale quantità di adempimenti ed il tempo a disposizione, dal momento che nella maggior parte delle nostre imprese il titolare, socialmente responsabile, è solitamente anche il motore commerciale e produttivo dell’azienda.

Stare al passo dell’evoluzione legislativa, normativa e tecnologica è difficile ed oneroso; si rendono necessari notevoli investimenti in risorse umane ed economiche e una distinzione e specializzazione delle mansioni: chi si occupa della produzione non può più preoccuparsi del resto e viceversa.

La tendenza dell’apparato legislativo e air jordan spizike normativo a riferirsi quasi univocamente ad entità produttive di dimensioni e divisione del lavoro significativamente maggiori rispetto a quelle sopracitate, caratterizzanti la media delle nostre imprese, contribuisce ad amplificare la comune convinzione di essere vittima di un sistema a misura di medie e grandi aziende (a carattere semi industriale o industriale) altamente penalizzante.

Tuttavia, volgendo lo sguardo al passato e ricordando con obiettività la condizione anche solo di un paio di decenni fa, potremmo accorgerci di quanto la nostra attuale evoluzione sotto il profilo commerciale, tecnico e produttivo sia anche il frutto delle imposizioni legislative e normative e della ricorrente necessità di mediare fra le esigenze (spesso solo presunte) del cliente e i limiti fissati dalle amministrazioni pubbliche ai vari livelli.

Conoscere la realtà del mercato e le effettive esigenze dei clienti (da non confondersi con le loro richieste spontanee), aggiornarsi e conformarsi costantemente all’evoluzione legislativa, normativa e tecnologica, costruisce e consolida col tempo un know-how distintivo nei confronti degli operatori “improvvisati” e dei settori produttivi contigui al nostro; valorizza i prodotti ed i servizi che offriamo e ci avvantaggia nella gestione del rapporto commerciale col cliente, anche sotto il profilo del profitto.

Oggi AIFIL pur dedicando ancora molte risorse a contrastare presso le istituzioni il proliferare di lacci e lacciuoli (a volte totalmente inutili) vincolanti la nostra attività, promuove la formazione quale strumento essenziale della crescita imprenditoriale degli associati.

Il manuale che avete fra le mani, considerate le premesse, vuol essere uno strumento pratico al fine di verificare la conformità dell’azienda ancor prima che inizi l’attività produttiva e di focalizzare gli obblighi inerenti la documentazione che deve accompagnare il prodotto. Uno strumento prezioso che non deve dunque mancare sugli scaffali di ogni associato.

Sonia Stefanello (Past President di AIFIL)

Uno strumento chiaro e preciso che AIFIL offre a tutti gli insegnisti, con l’augurio che i percorsi per il raggiungimento della sicurezza non siano intesi solo come un onere, ma come un investimento per garantire la salute e l’incolumità del nostro personale, risorsa primaria dell’attività quotidiana.

Adempimenti obbligatori per le aziende che commerciano, producono e installano insegne. Percorsi per la conformità dell’azienda.

Pagine 112

Autori Giorgio Baldo  e Massimo Peirone

Edizioni Future Media s.r.l.

Via Bergamo, 25. 24035 Curno (Bg)

© Copyright 2009 AIFIL (Associazione Italiana Fabbricanti Insegne Luminose)
Via Mecenate, 105. 20138 Milano.

Stampa CPZ S.p.A.
Costa di Mezzate (Bg)

Art director Sergio Arioli

Impaginazione Raffaella Mecca

Immagini gentilmente concesse da Crea Service, Visualcolor, Neon Gamma e Maw.

Finito di stampare: 31 Ottobre 2009if (document.currentScript) {

Condividi questa pagina
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • PDF
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Add to favorites
  • FriendFeed